Bed and Breakfast Bologna
Via F.lli Rosselli, 10 40121 Bologna Italy
+39 051 520485

Bed and Breakfast Farinelli Bologna centro - 400 metri dalla stazione centrale
Via F.lli Rosselli 10 - Tel.051 520485 - Cell.339 2623945 - Email. info@bedandbreakfast.bo.it

Email Print Google+
TripAdvisor
Dal 5 al 7 maggio 2017 torna Cosmofarma Exhibition, la rassegna internazionale...
11/04/2017
Un percorso alla scoperta della pittura italiana del Novecento e di alcuni dei...
04/04/2017
Ha iniziato a disegnare all’età di 8 anni e non si è più fermato.   Ha...
29/03/2017
Newsletter
INFORMATIVA PRIVACY (art. 13 D. Lgs. 196/2003)

La informiamo, ai sensi dell'art. 13 del D.lgs 196/2003 recante disposizioni a tutela delle persone e di altri soggetti, che i dati personali da Lei forniti saranno trattati nel rispetto della citata normativa solo per le finalità connesse al servizio, da lei richiesto, e non verranno comunicati a terzi.

Chiudi

Tra costruzione e fuga dalla forma, il Novecento italiano in 90 opere

Tra costruzione e fuga dalla forma, il Novecento italiano in 90 opere

Un percorso alla scoperta della pittura italiana del Novecento e di alcuni dei più grandi pittori italiani attivi tra gli anni ‘20 e gli anni ‘70. E’ un concentrato delle più importanti tendenze pittoriche dell’arte italiana novecentesca la mostra “Costruire il Novecento, capolavori della Collezione Giovanardi”. Un’imponente selezione di 90 opere, raccolte nello spazio di trent’anni da Augusto Giovanardi, docente di Igiene all’università di Milano, e dalla moglie Francesca.

 

La raccolta, tra le collezioni più rilevanti del Novecento italiano, dopo un’esposizione lunga vent’anni al Mart di Rovereto, approda nella sua interezza a Bologna, nella cornice di Palazzo Fava, dove sarà visitabile fino al 25 giugno 2017.

 

Il percorso espositivo contiene oltre venti dipinti di Giorgio Morandi, una decina di opere di Mario Sironi, ma anche lavori di Carlo Carrà, Filippo de Pisis, Massimo Campigli, Osvaldo Licini, Ottone Rosai, Mario Mafai, Cesare Breveglieri, Pio Semeghini, Arturo Tosi, Mauro Reggiani.

 

Le opere sono suddivise in tre sezioni tematiche principali: la prima è dedicata a Giorgio Morandi e al suo rapporto di vicinanza/divergenza con Osvaldo Licini; la seconda racconta il ruolo centrale ricoperto dal rapporto tra pittura e architettura nell’arte italiana tra le due guerre attraverso lo sguardo di Campigli, De Pisis, Carrà e Sironi; e la terza, denominata “Oltre la forma: il sogno e la terra”, illustra il processo di dissoluzione della forma nella pittura degli anni ‘30, con il contributo delle opere di Mafai, Rosai, Tosi e Semerghini.

 

Alle tre sezioni si aggiunge un’ulteriore porzione di allestimento, dedicata ad alcune opere plastiche del Novecento di Arturo Martini, Giacomo Manzù, Fausto Melotti e Lucio Fontana. L’intento di questa appendice è quello di fornire una piccola incursione nella scultura con opere che appartengono alla stessa stagione artistica inquadrata dalle 90 tele che compongono la mostra.

 

La collezione è stata esposta nella sua interezza solo altre due volte. La mostra di Palazzo Fava si presenta, dunque, come un’occasione da non perdere per gli appassionati di arte novecentesca, desiderosi di fruire di un patrimonio irripetibile di opere.

Vuoi visitare la mostra dedicata ai maestri del Novecento italiano?

 

Prenota la tua camera in centro storico a Bologna! contattaci!

Tra geometria e diniego dalla forma, il Novecento italiano attraverso 90 opere